Krisma – Chinese Restaurant, Hibernation, Cathode Mamma (Universal)

Chissà perché, non potevo farne a meno. Ogni volta che passavo da corso Lodi (Milano, zona Porta Romana), mi fermavo davanti alla vetrina di Arcieri Elettrodomestici. Residuato del “boom economico”, e se non ricordo male, ci vendevano anche qualche disco. 

Chinese Restaurant

Era il 1979 e avevo acquistato l’ellepì Hibernation dei ChrismaCHRIStina Moser e MAurizio Arcieri. Qualcuno mi aveva detto che i proprietari del negozio erano i genitori di Maurizio, l’ex bello di quei New Dada che negli Anni ’60 avevano rivisitato la rollingstoniana Lady Jane e fatto da “supporters” ai Beatles, accreditandosi nella “créme” del Beat italiano. Avrei voluto entrare da Arcieri Elettrodomestici e chiedere a papà e mamma se per caso avevano visto il loro figliolo acchittato come un punk post-atomico. E se avevano saputo che si era tagliato “on stage” un dito con un rasoio. Puro “finger-job” da tour. Ma non ho mai avuto il coraggio di entrare, da Arcieri. Illudendomi d’aver lasciato i coniugi all’oscuro di tutto. Ricordi. Stampati sulla vetrina di Arcieri fra una lavatrice, una tivù in bianco e nero, un frullatore. Ricordi. Che si rifanno vivi, adesso che Chinese Restaurant (’77), Hibernation (’79) e Cathode Mamma (’80) sono stati ristampati su Cd. I primi 2 marchiati Chrisma; il terzo, teutonicamente, Krisma. Ancora ricordi. Stavo dimenticandomene uno, in particolare: la mia intervista all’ineffabile duo, spassosissima, per la rivista Tutto Musica & Spettacolo, alla metà degli Anni ’80, più o meno. Conservo fra le “memorabilia” Hibernation : con gli autografi di Maurizio & Christina.

Hibernation

I quali, a dirla tutta, sono stati grandi. Grandissimi. Pionieri della new wave italiana fulminati sulla via del punk. Nella loro testa, ronzavano i Velvet Underground più che i Sex Pistols. Maurizio Arcieri alle diavolerie elettroniche, la svizzera Christina Moser alla voce. La bionda, ipersexy Christina: sua fan accanita, conosciuta nel ’66 alla festa di compleanno di Patrizia Wachter (figlia di Leoproduttore dei New Dada), convolata a nozze e poi portata in sala d’incisione. Chinese Restaurant, gioiello senza tempo, tutt’altro che italiano, quando uscì era il punto esclamativo, la radicale eccezione nel panorama discografico nazionale. Dentro ci trovi l’influenza dei Kraftwerk, del Bowie “berlinese” (nella decadente Lola, che i Chrisma avrebbero dovuto presentare al Festival di Sanremo. Ma rifiutarono, per non doverla intonare in italiano), dei primi Ultravox, dei Tuxedomoon.

Ci sono pezzi darkFulminantiossessivicatatoniciGemme oscure come Black Silk StockingLyceeThank YouC. RockPost punk, in poche parole. Sublimato da HibernationMitteleuropeo e futurista fino al midollo. Spasmi elettronici fra DAFHuman LeagueGary Numan. Titoli emblematici per canzoni di culto: Hibernated NaziAurora B. (con tanto di videoclip, all’epoca, con la coppia che simulava erotismo e un inquietante, finto suicidio), Gott Gott ElectronVetra Platz. Infine, la svolta “commerciale” di Cathode MammaChrisma che si trasforma in Krisma, l’elettronica glaciale che metabolizza il technopop, la cyber-danza di Many Kisses e la dolcezza di Peggy GuggenheimTrilogia assassinaFondamentale. Intanto (da parecchio, ormai) Arcieri elettrodomestici non c’è più. Ma i genitori di Maurizio, avranno saputo che…

www.universalmusic.it

di Stefano Bianchihttp://coolmag.it/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: